Notizie Parrucchieri e Bellezza

Notizie e novità dal Mondo della Bellezza
Information and news from the World of Beauty
Informationen und Neuigkeiten aus der Welt der Schönheit
Information et nouvelles du monde de la Beauté
Información y noticias del mundo de la belleza
信息和新闻从美的世界
Информация и новости из мира красоты
المعلومات والأخبار من عالم الجمال


BEAUTY NEWS

Trend del giorno inverno 2020: stivali bianchi. Modelli moda e outfit da copiare ora seguendo i look street style

L'inverno non è ancora finito, quindi siamo costretti a indossare maglioni e cappotti. Come possiamo rendere meno "pensate" il look ora che le giornate si stanno allungando e i nostri pensieri volgono a dolci mattine riscaldate dal sole? Prima di tutto, abbandonando tutti i colori più cupi e optando per nuance fresche, chiare o neutre.

A correre in nostro aiuto c'è anche un accessorio, molto amato dalle fashioniste: gli stivali bianchi. Pelle candida e liscissima, questa skin ha la proprietà di illuminare qualsiasi look. I white boots sono infatti perfetti con i jeans, i bermuda di pelle, i leggerissimi chemisier e anche con quel cappotto cammello che state indossando tutti i giorni per andare a lavoro.

Quando poi arriverà la mezza stagione e le temperature inizieranno a diventare più miti, potrete indossare gli stivali bianchi con il trench e le giacche di pelle nelle sfumature più calde (come il caramello).

L'idea in più: nella versione luxury, con perle e tacco gioiello, potete indossare i vostri white boots con l'abito... da sposa!

Jonathan Daniel PryceJonathan Daniel PryceJonathan Daniel PryceJonathan Daniel PryceJonathan Daniel PryceJonathan Daniel PryceJonathan Daniel PryceJonathan Daniel PryceJonathan Daniel Pryce
Stivali e stivaletti bianchi
Malone SouliersCasadeiBy FarJeffrey CampbellMiu MiuMaison MargielaSergio RossiNodaletoSophia WebsterSam EdelmanMangoStarp EstudiIsabel MarantMezcaleroCafèNoir


Continua a leggere

A Parigi sono ufficialmente iniziate le sfilate di Haute Couture. Da lunedì 20 a giovedì 23 gennaio, infatti, nella capitale francese sfilano ogni giorno le collezioni Primavera Estate 2020 degli stilisti più importanti del mondo, da Chanel a Dior fino a Schiaparelli, Elie Saab, Armani e Valentino.

I giorni dedicati alle presentazioni delle collezioni di Alta Moda sono uno degli appuntamenti più importanti per il fashion system internazionale e i pochi show che si susseguono durante la settimana raccontano il processo creativo di grandi designer, ma anche il savoir faire proprio di ogni Maison e il lungo e attentissimo lavoro di sarte, ricamatrici, disegnatori.

Le sfilate di Haute Couture, quindi, sono perfetto esempio di eleganza e maestria. Ma che cosa succede nel backstage di una sfilata così importante prima che tutto abbia inizio? Lo svelano gli scatti esclusivi del fotografo Jamie Stoker, che ci porta dietro le quinte di questo mondo magico e inaccessibile.

Iris Van Herpen
Iris Van Herpen Haute Couture: nel backstage della sfilata a Parigi
Jamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie Stoker
Dior
Dior Haute Couture: nel backstage della sfilata a Parigi
Jamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie Stoker
Giambattista Valli
Giambattista Valli Haute Couture: nel backstage della presentazione a Parigi
Jamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie Stoker
Chanel
Chanel Haute Couture: nel backstage della sfilata a Parigi
Jamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie Stoker
Elie Saab
Elie Saab Haute Couture: nel backstage della sfilata a Parigi
Jamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie Stoker
Viktor&Rolf
Viktor & Rolf Haute Couture: nel backstage della sfilata a Parigi
Jamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie Stoker
Jean Paul Gaultier
Jean Paul Gaultier Haute Couture: nel backstage della sfilata a Parigi
Jamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie Stoker
Raul Mishra
Rahul Mishra Haute Couture: nel backstage della sfilata a Parigi
Jamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie Stoker
Givenchy
Givenchy Haute Couture: nel backstage della sfilata a Parigi
Jamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie Stoker


Continua a leggere

Nato in camerun ma basato a Parigi, Imane Ayissi, da bambino aveva l'abitudine di tagliare abiti appartenenti a sua madre, Julienne Honorine Eyenga Ayissi - la prima Miss Camerun dopo l'indipendenza del paese nel 1960 - per capire come erano costruiti. Fu lei ad aver innescato il suo amore per la moda e da allora è rimasta la sua musa ispiratrice: «È così elegante, non solo per il suo modo di vestirsi, ma anche per il modo in cui si comporta - emana forza e grazia».

Julien Boudet

Ayissi ha fondato la sua omonima etichetta nel 2004 dopo essersi trasferito nella capitale francese per lavorare come ballerino e modello - ha partecipato a show di Dior, Givenchy e Lanvin. Iniziò creando look per clienti privati, continuando però a sfilare in diverse settimane della moda internazionale, tra cui Lagos, Dakar e Shanghai. Ayissi ha anche showroom a New York e i suoi abiti da cocktail realizzati con il Faso Dan Fani (tessuto nazionale del Burkina Faso), si trovano anche da Alára, spesso descritta come la risposta di Lagos all'iconica Colette di Parigi.

Julien Boudet

Quando Vogue incontra Ayissi nel suo studio nel quartiere sempre più fashion di Strasbourg Saint-Denis, è circondato dalle sue creazioni e da statue del Camerun. Questi sono giorni inebrianti per il 51enne. Il 23 gennaio ha debuttato nella Haute Couture con la sua collezione PE 20 in veste di designer ospite. È il terzo designer africano a poter fare questo passo, dopo Alphadi (Nigeria) nel 2004 e Noureddine Amir (Marocco) nel 2018. «Ho lavorato molto duramente per arrivare a questo punto. È stato un momento molto toccante», dice, accennando alle rigide norme e regolamenti della Fédération de la Haute Couture et de la Mode (FHCM). Sia Saint Laurent che l'ex presidente dell'FHCM Didier Grumbach hanno appoggiato la sua candidatura e hanno spinto affinché il suo profilo fosse accettato come parte del calendario di questa stagione.

Julien Boudet

Ayissi si sta facendo un nome offrendo una visione moderna, complessa e sofisticata dell'Africa. «L'Africa non è un paese, è un continente! Meritiamo di meglio dei cliché semplicistici, che mi rattristano», spiega. «La mia missione è mostrare quanto siano profondamente diverse le nostre culture: solo nel Camerun abbiamo oltre 200 dialetti; c'è una profonda complessità che voglio celebrare». I suoi abiti, che rivisitano i tessuti tradizionali - pur applicando un know-how decisamente da alta moda e un'estetica fluida e minimizzata - sono stati indossati sul tappeto rosso da artisti del calibro di Zendaya, Angela Bassett e Aïssa Maïga. Pensa al kente ghanese (stoffa tessuta a mano con motivi geometrici); alla rafia dal Madagascar su orli di abiti modello caftano; all'obom (tessuto ricavato dalla corteccia di un albero) modellato in abbellimenti floreali; Cappotti alla Jackie Kennedy  sono realizzati in bògòlanfini (tessuto del Mali tinto con fango fermentato) e in ndop (tessuto di cotone dai motivi bianchi su sfondo indaco tipico del Camerun).

Julien Boudet

La narrazione è insita nei tessuti scelti Ayissi. Prendi un blazer in tie-dye realizzato usando una tecnica soprannominata "Mio marito se lo può permettere" - un simbolo di ricchezza, che il designer accoglie con un sorriso. Parlando invece d altruismo va sottolineato che molti dei tessuti provengono da una stretta collaborazione con le cooperative, come Xoomba - con sede in Burkina Faso, specializzate in cotone organico prodotto ecologicamente. Come capo dello studio di Ayissi, Jean-Marc Chauve afferma: «Imane non è lontano da qualcuno come Dries Van Noten, che potrebbe usare tessuti barocchi, ma in modo minimalista».

Julien Boudet

Ispirato da artisti del calibro di Grace Jones, della modella e attivista guineana Katoucha Niane e dall'attrice francese Fanny Ardant - con cui ha recitato nella produzione teatrale di Antoine Bourseiller del 2002, Phèdre di Jean Racine  - Ayissi è incantato all'infinito dal modo in cui il corpo interagisce con un indumento e da come cambia l'indumento in base alla fisicità di chi lo indossa. «Il modo in cui ogni corpo - magro o voluttuoso - dà un'interpretazione diversa di ogni capo è magica per me», dice. «Voglio vestire le donne di tutte le razze, identità, background, contribuendo nel contempo a rappresentare l'Africa sotto una nuova luce».



Continua a leggere

Oltre agli abiti chimerci, la couture è un gioco di numeri per il designer di Nuova Delhi Rahul Mishra. «Quest'anno ho fatto crescere la mia attività del 60%, ma ho ridotto la mia produzione del 10%», dice a Vogue, nel suo studio nel decimo arrondissement di Parigi. «L'alta moda sembra il futuro per noi. Se un capo di abbigliamento può dare da 3.000 a 4.000 ore di lavoro a qualcuno [tutto il tempo necessario per ricamare uno dei suoi abiti] diventa molto più potente e bello».

Jamie Stoker 2020. All Rights Reserved.

Un altro numero significativo per il designer è uno. Giovedì, Mishra ha fatto il suo debutto nel programma della Haute Couture di Parigi (con la collezione Primavera/Estate 2020) - il primo designer indiano a farlo - come membro ospite. Questo è il più recente in una successione di primati raggiunti durante la sua carriera. Dopo essersi inizialmente laureato in fisica, Mishra ha scelto un post-laurea in design presso l'Istituto Nazionale di Design di Ahmedabad - e la sua collezione finale gli è valsa una borsa di studio presso l'Istituto Marangoni, rendendolo il primo non europeo a riceverne una. Quindi, nel 2014, è diventato il primo designer indiano a vincere il Woolmark Prize. Nello stesso anno, il suo lavoro è stato presentato in una mostra al Victoria and Albert Museum di Londra ed è stato invitato dalla Fédération de la Haute Couture et de la Mode (FHCM) a esibirsi alla settimana della moda di Parigi nell'ambito della stagionePrimavera/Estate 2015. Da allora è stato una presenza fissa nei programmi della capitale francese.

Jamie Stoker 2020. All Rights Reserved.

I progetti di Mishra hanno già accumulato un certo chilometraggio sul tappeto rosso - favorito per esempio dalle attrici Priyanka Chopra e Freida Pinto - e sembra che il suo momento al Met Gala potrebbe non essere troppo lontano. La sua estetica, che sposa abilmente la sua eredità indiana con tagli e sartoria europei, ha anche dimostrato di essere un successo commerciale - approdato inizialmente nell'ormai defunta Colette a Parigi, la sua etichetta è stata scelta anche da Harvey Nichols di Londra, Saks Fifth Avenue di New York, 10 Corso Como a Milano e Joyce di Hong Kong.

Jamie Stoker 2020. All Rights Reserved.

«Rahul ha dimostrato grande coerenza in termini di universo del marchio, estetica e qualità», osserva Pascal Morand, presidente esecutivo di FHCM, spiegando perché ora era il momento giusto per Mishra di aderire al programma della Couture. «Il suo ricamo contemporaneo rende omaggio al lavoro della mano, evidenziando tutte le prospettive che offre questo savoir-faire indiano. Il suo approccio è anche un vero progetto sociale, rivolto dinamicamente al futuro».

Jamie Stoker 2020. All Rights Reserved.

Fin dall'inizio, Mishra ha aiutato a potenziare le comunità remote in India impiegando artigiani tessili locali per conferire le loro tradizioni ai design moderni. Il designer è cresciuto in un piccolo villaggio a 83 miglia dall'Uttar Pradesh, dove è stato cresciuto dai nonni che avevano un debole per la narrazione. Ciò ha indubbiamente influenzato la decisione di Mishra di costruire un business socialmente consapevole, oltre ad aver ispirato le ricche narrazioni che attraversano le sue collezioni.

Jamie Stoker 2020. All Rights Reserved.

La collezione Couture Primavera/Estate 2020 di Mishra si chiama Home ed è ispirata alla Terra. È un insieme di riferimenti a tema della giungla: il designer ha pensato a Madagascar della DreamWorks (ha visto il film 35 volte!), il dipinto di Il sogno di Henri Rousseau, lo zoo di Nainital in India e una scoperta che ha fatto durante una recente vacanza alle Maldive. «Ho fatto snorkeling per la prima volta e ho trovato questo mondo sottomarino davvero bello», ha detto. "Sopra l'acqua ho immaginato la giungla e più in alto, il cielo e le nuvole. Il décor della collezione si riferisce a questa visione».

Jamie Stoker 2020. All Rights Reserved.

Intricate applicazioni realizzate a mano sotto forma di viti e di uccelli si dispiegano su miniabiti; ci sono giacche kurta-esque e cappotti di ispirazione lehenga; un abito in avorio ricorda due fronde che avvolgono il corpo, e il verdeggiante tableau di Rousseau è reinventato attraverso un lavoro di 6.000 ore, tra ricami e intricati disegni in perline. «È indossabile», insiste Mishra, staccando uno strato di organza. «All'interno, lo manteniamo il più leggero possibile».

Jamie Stoker 2020. All Rights Reserved.

«Ho studiato design, non moda. Quindi, per me, il design dovrebbe essere la soluzione dei problemi, piuttosto che creare problemi», spiega il designer, quando gli viene chiesto della sua visione per il futuro. «La moda è [una delle industrie più inquinanti al mondo. Il consumo deve rallentare. La Couture funziona davvero bene [per me] - quando lavoro con processi più lenti, si creano maggiori opportunità di partecipazione». Continua: «ASAP, per me, “il più lento possibile” (as slow as possible). ASAP è couture. Più lenta diventa, più persone ne trarranno beneficio».



Continua a leggere

Matchesfashion lancia la boutique online dedicata al mondo bridal (per spose e invitate!)

Wedding Edit di Matchesfashion è la nuova sezione online dedicata allo shopping bridal, pensata per le bride-to-be e per le sue invitate, incluse damigelle e testimoni.

"Volevamo creare un'area dedicata in cui i nostri clienti possano trovare pezzi unici per il loro matrimonio ed eventi speciali che possano essere indossati di nuovo per molti anni a venire" - ha spiegato Natalie Kingham, Fashion Buying Director. Infatti la pagina dedicata al mondo bridal sembra un guardaroba virtuale dove ogni donna o ragazza può filtrare per colore, capo o accessorio. Sì, perché questa cabina armadio fornisce tutti gli elementi per completare il proprio outfit da cerimonia, dalla testa ai piedi, suggerendo anche inediti accostamenti di styling.

Matchesfashion offre una bellissima possibilità alle spose moderne e alle sue invitate, un mondo magico dove perdersi e ritrovarsi, grazie alle numerose proposte firmate. A queste si aggiungono 250 pezzi unici, realizzati per il lancio della boutique virtuale Wedding Edit.

Guardate qui tutte le tendenze moda sposa 2020.

Orecchini di Alighieri, abito di Gann, calze di Darner, scarpe di Burberry
Orecchini di Alighieri, abito di Gann, calze di Darner, scarpe di Burberry
Eddie WreyOrecchini di Bottega Veneta, abito di Paco Rabanne, stivali di Ssone Boots
Orecchini di Bottega Veneta, abito di Paco Rabanne, stivali di Ssone Boots
Eddie WreyAbito di Cecilie Bahnsen, cerchietto di Philippa Craddock, scarpe di Stella McCartney
Abito di Cecilie Bahnsen, cerchietto di Philippa Craddock, scarpe di Stella McCartney
Eddie WreyVestito di Emilia Wickstead, scarpe di The Row
Vestito di Emilia Wickstead, scarpe di The Row
Eddie WreyCappa e vestito di Erdem, scarpe di Loewe
Cappa e vestito di Erdem, scarpe di Loewe
Eddie WreyVestito di Halpern, bracciale di Bottega Veneta
Vestito di Halpern, bracciale di Bottega Veneta
Eddie WreyCerchietto di Philippa Craddock, abito di Giles
Cerchietto di Philippa Craddock, abito di Giles
Eddie Wrey


Continua a leggere

Da quattordici anni a questa parte - quella del 2020 sarà infatti l’imperdibile quindicesima edizione - Viana do Castelo, ridente e mansueta cittadina portoghese affacciata sull’Atlantico, si tramuta per un weekend d’agosto nella “Capital of Techno”, come recita lo slogan di Neopop, festival dedicato alle arti visive e alla musica elettronica. Nato dalla passione di Gustavo Pereira - o più semplicemente Gusta-vo, il moniker da dj con cui lo conoscono tutti gli appassionati di musica techno - e del suo team, che hanno portato a Viana do Castelo la loro ventennale esperienza di party-makers, Neopop è uno degli appuntamenti imprescindibili della stagione per chi ama la techno in tutte le sue sfaccettature, ma non solo. Noi ci siamo stati la scorsa estate e, ora che sono finalmente online le anticipazioni sulla programmazione della prossima edizione, abbiamo selezionato cinque motivi per non perdersi assolutamente il nuovo capitolo della saga, ovvero Neopop 2020.

Rui Soares

1. La location, una perla in riva all’Atlantico Viana do Castelo è un gioiello in stile manuelino e rinascimentale ancora lontano dalle rotte del turismo di massa. Sarebbe riduttivo definirla prettamente una località balneare, anche se può vantare una delle più belle spiagge - Praia Caradelo - del Portogallo settentrionale. Viana conquista immediatamente il visitatore sia per la sua piacevole architettura, sia per la storia che si respira tra i vicoli e le piazze del suo centro storico, nato come villaggio di pescatori e sviluppatosi grazie ai commerci con il Brasile. Con un clima mite per gran parte dell’anno e una tradizione gastronomica d’eccellenza - celebre è il Bacalao a Viana, la variante locale del merluzzo salato e stagionato - la piccola cittadina di Viana do Castelo merita una visita sempre e comunque ci si trovi nelle vicinanze di Oporto o della confinante Galicia, la regione atlantica spagnola. Anche se, con Neopop, Viana si trasforma e le ragioni per visitarla aumentano esponenzialmente.

Diogo Lima

2. La line-up, tra grandi nomi internazionali e giovani promesse locali La programmazione dello scorso anno era letteralmente la summa della storia della musica techno. Abbiamo ascoltato estasiati il live di Kink, ci siamo scatenati durante il back to back tra Nastia e Daria Kolosova, e ci siamo quasi commossi quando gli Underworld hanno chiuso con Born Slippy, theme della colonna sonora di Trainspotting. Dalle prime anticipazioni, anche la quindicesima edizione di Neopop sarà epica: già confermati infatti live di assoluto livello come quelli di FJAAK, Modeselektor e Cobblestone Jazz, oltre a nomi altresì imperdibili come Hessle Audio, Honey Dijon e la nostra amica The Black Madonna. La direzione artistica di Neopop però non è solo un agglomerato di ospiti internazionali ma è anche una interessante panoramica sulla nutrita scena locale: Diana Oliveira, The Advent e i Freshkitos sono i lusitani che ci hanno fatto ballare di più durante la scorsa edizione e che speriamo di rivedere anche quest’anno.

Neopop

3. Il crowd internazionale, tra look a prova di Instagram  A Neopop 2019 si sono contate, nell’arco dei quattro giorni, oltre 28000 presenze. Nelle dancefloor dei due palchi - Neo e Anti - si sentiva parlare prevalentemente portoghese, ma sovente anche spagnolo, francese e inglese: la passione per la techno non conosce confini e d’altronde, una programmazione come quella di Neopop raduna appassionati da tutta l’Europa e non solo. Ad accomunare il crowd di Neopop non è solo l’amore per la musica elettronica ma anche uno stile innegabile: la scorsa edizione abbiano notato parecchi festival look a prova di Instagram. Se avete però paura di sfigurare, niente paura: il merch del festival è da collezione, praticamente l’uniforme perfetta da sfoggiare a tutti i party successivi. E anche il miglior modo per confermare a tutti gli habituè: io c’ero!

4. I set 24h no-stop, dove la musica non si ferma mai DJ Mag Italia ha giustamente descritto il Neopop come “il festival che non finisce mai”. Definizione sacrosanta, perché il festival, oltre a svolgersi nell’arco delle 24 ore, è famoso - e famigerato - per i set di durata indefinita. Un piccolo esempio? La chiusura di Laurent Garnier doveva terminare domenica alle 11 di mattina, ma alle 13.30 il maestro transalpino stava ancora incantando il pubblico con una esibizione più unica che rara. E, come prevedibile, gli stakanovisti del dancefloor erano ben lungi dal voler abbandonare lo stage prima del tempo e perdersi un'occasione del genere. Scordatevi dunque quei set da un'ora e mezza dove l'artista viene “a fare il compitino”. A Neopop assisterete sì alle performance dei migliori artisti della scena techno, come del resto in molti altri festival internazionali, ma in un inedito formato XXL.

Diogo Lima

5. L’approccio sostenibile: un programma di iniziative green Una realtà strutturata e a lungo termine come Neopop, legata al territorio sia per ciò che riguarda il concept sia per la direzione artistica, non potrebbe prescindere da un tema delicato e importante come quello dell’impatto ambientale e della sostenibilità del festival. Un impegno non dell’ultima ora, dato che Neopop collabora già da varie edizioni con SGS - Société Générale de Surveillance - per implementare l’impegno sulla sostenibilità. Oltre all’eliminazione progressiva della plastica monouso - nel festival sono presenti anche vari punti ristoro gratuiti per l’acqua - gli organizzatori hanno puntato inoltre su una graduale mitigazione dell’impatto sonoro del festival, una razionalizzazione del consumo di energia e su una riduzione esponenziale delle emissioni di carbonio.

Fotografia © Jorge Teixeira (IG: @jorgeteixeira.jpg)Jorge Teixeira


Continua a leggere

«Sono molto felice in realtà», ha detto Jean Paul Gaultier a Vogue, in occasione del suo cinquantesimo anniversario e della sfilata “canto del cigno”, che che si è svolta nell'imponente Théâtre du Châtelet di Parigi. «Facciamo una grande festa e divertiamoci». Il suo outfit da gran finale? Tuta blu perfetta per un rave e un sorriso raggiante.

Come artefice di alcuni dei più grandi momenti della moda degli ultimi cinquant'anni, il designer francese ha molto da festeggiare. Il "famigerato" reggiseno conico di Madonna, uno dei look indossati dalla cantante per Blonde Ambition tour del 1990 (idea apparsa in passerella per la collezione Autunno/Inverno 1984-85) e i design che hanno definito l'era dei film cult di fantascienza del regista francese Luc Besson - ricordiamo Il quinto elemento del 1997 - raccontano solo una frazione del suo personale archivio legato alla cultura pop.

Karlie Kloss, Anna Cleveland e altre modelle sulla passerella di Jean Paul Gaultier Haute Couture Primavera/Estate 2020Jean-Paul Gaultier : Runway - Paris Fashion Week - Haute Couture Spring/Summer 2020
Karlie Kloss, Anna Cleveland e altre modelle sulla passerella di Jean Paul Gaultier Haute Couture Primavera/Estate 2020
Getty Images

In che modo un designer con un curriculum così stravagante si assicura di uscire “con il botto”? Chiamando  modelle molto influenti in generale e nella sua storia, mettendo in scena uno spettacolo prêt-à-porter-esque - uno che inizia con la parodia garbata di un funerale e termina con una standing ovation. La lineup Couture SS20 di Gaultier ha compreso Gigi e Bella Hadid, Coco Rocha, Joan Smalls, Karlie Kloss, Yasmin Le Bon, Erin O’Connor e Karen Elson; un who’s-who dei titani di passerella.

Gigi Hadid sulla passerella di Jean Paul Gaultier Haute Couture Primavera/Estate 2020Jean-Paul Gaultier : Runway - Paris Fashion Week - Haute Couture Spring/Summer 2020
Gigi Hadid sulla passerella di Jean Paul Gaultier Haute Couture Primavera/Estate 2020
Getty Images

«Molte modelle che adoro che sono venute appositamente a Parigi per calcare la mia passerella, sono molto felice», ha rivelato Gaultier nel caos del backstage.

Nel backstage di Jean Paul Gaultier, le foto esclusive di Jamie Stoker

Jean Paul Gaultier Haute Couture: nel backstage della sfilata a Parigi
Jamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie StokerJamie Stoker

Il set è stato di alto livello. Performance di cantanti pop iconici - tra cui Boy George e Catherine Ringer di Les Rita Mitsouko -  hanno suscitato esplosioni spontanee di applausi, mentre le modelle sfilavano in corsetteria di seta intagliata, giacche di jeans scolpite, giubbini chiodo in pelle con cerniera lampo e costumi eroici da marinaio.

Jean Paul Gaultier sulla passerella durante il finale della sfilata Haute Couture Primavera/Estate 2020Jean-Paul Gaultier : Runway - Paris Fashion Week - Haute Couture Spring/Summer 2020
Jean Paul Gaultier sulla passerella durante il finale della sfilata Haute Couture Primavera/Estate 2020
Getty Images

«Conosco Jean Paul Gaultier da 25 anni e lui significa molto per me», ha detto la modella britannica Karen Elson a Vogue. «È innovativo, creativo e tutto sommato Rive Gauche. Stare qui stasera significa il mondo per me». 

Dita Von Teese (C) and British model Karen Elson (R) celebrate as French designer Jean Paul Gaultier presents his last spring/summer 2020 Haute Couture collectionJean Paul Gaultier - Runway - Paris Haute Couture Fashion Week S/S 2020, France - 22 Jan 2020
Dita Von Teese (C) and British model Karen Elson (R) celebrate as French designer Jean Paul Gaultier presents his last spring/summer 2020 Haute Couture collection
Photography Shutterstock


Continua a leggere

Kim Kardashian ha deciso di regalare ai suoi follower e al mondo intero uno scorcio della vita della sua famiglia. Uno scatto, uno solo, che ritrae tutti i Kardashian-West a colazione e, incredibile incredibile, non sembra molto diversa dalla colazione di una qualunque famiglia: bimbi strillanti (North, Chicago, Saint), piatti lasciati a metà, cagnolini e peluche, una tazza di latte e cereali mestamente abbandonata al suo destino e un piccolo, Psalm, di 8 mesi, a fissare, con sguardo tra il preoccupato e il compassionevole, l'intera scena.

Kim l'ha ribattezzata Morning Madness, ma di fatto è poco più di una tranquilla mattinata di follia che si trovano ad affrontare tutti i genitori. Che dopo anni di narrazione "patinata" della sua vita, Kim Kardashian abbia deciso di abbracciare tiepido e famigliare verismo? #Nofilter, ovviamente. 



Continua a leggere


X

privacy